28.12.13

Edward Snowden: Discorso di Fine Anno - "In confronto ad oggi "1984" di Orwell era una fiaba per bambini"

Oggi gli spettatori del canale britannico Channel 4, al posto del tradizionale messaggio Natalizio della Regina Elisabetta, hanno atteso un monologo più serio ed allarmante.
Edward Snowden, l’americano” gola profonda” attualmente rifugiato in Russia, ha registrato una propria videoconferenza, in cui non tratteggia un futuro più radioso nella società moderna, quanto un futuro senza il diritto alla privacy.

Mercoledì 25 dicembre il canale televisivo britannico Channel 4 ha mandato in onda un breve videomessaggio di Edward Snowden, l’ex analista dell’intelligence statunitense che ha rivelato i programmi di sorveglianza della National Security Agency. (NSA)

Quest'anno, su di Edward Snowden si è concentrata l'attenzione del pubblico e dei media , ed è per questo che il canale britannico lo ha scelto per un messaggio di Natale alternativo. Secondo il Channel 4, le rivelazioni di Edward Snowden, pongono quesiti seri ad una società democratica.
Propaganda o buoni intenti ? Decidete voi!

Il video è stato modificato dall'originale, perchè bloccato da youtube a livello mondiale! (foto)


Il
 

Il“messaggio di Natale alternativo”  esiste dal 1993 ed è una risposta al messaggio della Regina.
Oggi Snowden ha voluto sottolineare l’importanza della inviolabilità della privacy di ognuno. 
Pensa che il romanzo di Orwell “1984”, a confronto con la realtà attuale sembra una fiaba per ragazzi.

Preoccupato inoltre che i bambini che nascono oggi, cresceranno non sapendo cosa sia la privacy. Snowden ritiene che nella loro vita non ci sarà un solo momento che non venga registrato e analizzato.

Lanciando l’augurio che lavorando insieme si possa costruire una società più equilibrata e finirla con il controllo di massa. Secondo lui se le autorità volessero davvero sapere cosa pensiamo,  basterebbe chiedercelo e sarebbe meno costoso che spiarci.


http://www.macrolibrarsi.it/ebooks/ebook-spychips.php?pn=3509


Le multinazionali e i governi progettano di sorvegliare ogni nostra mossa.







Fonte:http://www.channel4.com/programmes/alternative-christmas-message/4od

20.12.13

ECCO PERCHE' E' MEGLIO COPRIRE LE WEBCAM E DISATTIVARE IL MICROFONO

Come se non bastasse, dopo che alla Apple è stato concesso l'uso del Brevetto US Patent No. 8.254.902
che permette alle eventuali Autorita' del  Luogo di accedere al vostro dispositivo via wireless e di bloccare alcuni o tutte le funzioni, l'azienda rispunta alla ribalta con lo scandalo sulla sicurezza delle loro Webcam.




11.12.13

SNOWDEN: NSA e GCHQ hanno agenti in WORLD OF WARCRAFT, Second Life, XBOX LIVE e in molti GIOCHI ONLINE.

In realtà in certi ambienti non serviva Snowden per informarci che le agenzie di Intelligence o i loro sotto-prodotti reclutano,osservano e monitorano i giocatori multiplayer.
Un tempo si diceva che Tutti i giochi multiplayer Gratis che venivano presentati al pubblico senza alcuna spesa, fossero divulgati dai Governi. Poi anche quelli a pagamento.
Adesso pare che Snowden voglia farlo sapere a tutti attraverso il The Guardian e Russia Today.



Articolo di RussiaToday
La NSA e le agenzie GCHQ (Regno Unito) hanno raccolto classifiche dei giocatori einserito agenti reali nel gioco online World of Warcraft e in  Second Life. Ecco l'ultima informazione ufficiale che Snowden ha rivelato ultimamente.

Un documento NSA del 2008, dal titolo "Sfruttare uso terroristico di giochi e ambienti virtuali", è stato pubblicato Lunedi da The Guardian, in collaborazione con il New York Times e ProPublica.
Nel rapporto, l'agenzia ha avvertito del rischio di lasciare queste comunità di giochi sotto-monitorati e li ha descritti come una "rete di comunicazione ricca di bersagli", in cui gli obiettivi di intelligence potrebbe "nascondersi in piena vista."

Il documento ha mostrato che gli Stati Uniti e le agenzie di spionaggio britanniche (da sempre loro sorelle ndr ) stavano raccogliendo grandi quantità di dati in rete attraverso la console Xbox Live, che ha più di 48 milioni di giocatori.

La NSA e GCHQ hanno anche cercato di reclutare potenziali informatori tra i giocatori, dice il rapporto. 
Un visitatore suona il videogioco "World of Warcraft" alla più grande fiera high-tech del mondo, il CeBIT (AFP Photo / Nigel TREBLIN) La NSA ha avuto così tanti agenti all'interno dei giochi che un gruppo speciale "de-conflittuale" è stato istituito per assicurarsi che essi non ostacolino a vicenda operazioni.
 
"Se analizzati correttamente, i giochi online possono diventare una delle principali fonti di dati di intelligence", ha sottolineato la fonte anonima del documento.

Essi potrebbero essere utilizzati per costruire immagini del social network dei giocatori, ottenere le loro foto e le località geografiche, così come raccogliere le loro comunicazioni.
I giochi erano anche una comoda finestra per gli attacchi di "hacking", dice il rapporto.

Tuttavia, il documento non ha fornito informazioni su complotti terroristici scoperti tramite giochi online di sorveglianza, o di qualsiasi prova di organizzazioni terroristiche che li utilizzano per la comunicazione.
Il documento ha soltanto dichiarato che: "Al-Qaeda terrorismo bersaglio selettori ... sono stati trovati associati con Xbox Live, Second Life, World of Warcraft, e altri GVEs [Giochi e ambienti virtuali]."

Altri obiettivi NSA citati nella relazione sono "hacker cinesi, uno scienziato nucleare iraniano, Hezbollah e Hamas membri".
Il documento fornisce solo un esempio dei risultati che lo spionaggio nei giochi online è riuscito a produrre.
Dopo la chiusura di un sito web, che ha venduto i dettagli sulle carte di credito rubate, GCHQ è riuscito a seguire e stabilire un contatto con i truffatori, mentre muovevano la loro attività all'interno di Second Life.
 

Afferrare schermo mostra un giocatore di entrare nel quartier generale della campagna virtuale del partito comunista francese "PCF", situato sulla "Second life" gioco on-line. (AFP Photo) Per World of Warcraft i creatori di Blizzard Entertainment hanno detto che non avevano dato il permesso all' NSA o all' GCHQ di raccogliere informazioni all'interno del gioco, ed erano "a conoscenza di qualsiasi tipo di sorveglianza in atto."

Microsoft e Linden Lab, la società dietro Second Life, hanno rifiutato di commentare la questione quando sono stati avvicinati dai giornalisti del The Guardian.
 

Le preoccupazioni che i giochi potrebbero essere utilizzati per "rafforzare i pregiudizi e gli stereotipi culturali" sono stati espressi anche nel documento trapelato da Snowden.
 
E si parla anche del gioco 'Special Force 2' , che è stato sviluppato dal movimento libanese Hezbollah, ed è stato usato come “radicalizing medium" per reclutare e addestrare "martiri suicidi".

[...] Per quasi un decennio, la NSA ha utilizzato un sistema di sorveglianza "web warrantless" con una capacità quasi illimitata di spiare le chiamate di chiunque telefonate, e-mail, cronologia di ricerca e molto altro, l'ottenimento di informazioni dai grandi giganti di Internet come Google, Apple e Facebook.

Fonte articolo completo ed originale:
http://rt.com/news/nsa-uk-spy-world-warcraft-942/
Traduzione lagrandeopera.blogspot.it

3.12.13

RICONOSCIMENTO FACCIALE COATTO: Nuovo Brevetto permette di rintracciare i Volti anche senza Tag



TORONTO - Un nuovo algoritmo studiato presso l'Università di Toronto ha il potere di cambiare profondamente il modo in cui troviamo le foto tra i miliardi dei siti di social media come Facebook e Flickr.
  
Questo mese, la United States Patent and Trademark Office emetterà un brevetto su questa tecnologia. Sviluppato da Parham Aarabi, un professore del Dipartimento Edward S. Rogers Sr. of Electrical & Ingegneria Informatica, e il suo ex allievo del Maestro Ron Appel, lo strumento di ricerca utilizza posizioni tag per quantificare le relazioni tra gli individui, anche quelli non etichettati in una determinata foto .

9.11.13

Santos Bonacci:Tutte le religioni derivano dall' Antica Scienza Sacra - Cristianesimo Islam e Buddismo - Astroteologia (video)

Conversazione con Santos Bonacci circa la natura comune , ermeticamente nascosta, dell'Antica Sacra Scienza all'interno delle principali religioni mondiali.
A voi le vostre conclusioni, come sempre.
Questa intervista fu registrata il giorno del compleanno di Santos!
Sabato 24 Marzo del 2012.

27.10.13

IL REIKI ARMA OCCULTA DEI GESUITI. Dal Libro “Jésuites" del C.R.O.M.

Questo è un capitolo tradotto da “minigob” e corretto da “alonindark” che si trova nel libro in francese disponibile in rete con il titolo “Jésuites” a cura del “Centro di Studi dell’Ordine Mondiale – Le Centre de Recherches sur l’Ordre Mondial”.

Il suo contenuto è discutibile, ma nell’ottica di una società sempre più incline a tutto ciò che arriva da “Oriente”, senza metterlo in discussione soprattutto, quando si veste opportunamente di “amore, luce e guarigione”, vale la pena di prenderlo in considerazione e di valutare i rischi che ci assumiamo, quando ci immettiamo nell’apprendimento o quando i nostri corpi cedono all’applicazione di tecniche la cui vera origine ci è sconosciuta e diamo tutto per buono senza alcuna resistenza. Scopriamo gli intenti dietro questo "metodo" ed il perchè viene chiamata l'energia dei morti.

26.10.13

Paulo Coelho: Nella mia vita di Rapimenti Torture ,Magia nera, l' O.T.O e droga. Intervista Inedita in Italiano

Paulo Coelho ha rilasciato un'intervista al giornale tedesco Süddeutsche Zeitung .
Parla apertamente della storia della sua vita che coinvolge il sesso, il tradimento, la perdita, la tortura, la partecipazione all' OTO e la pratica della magia nera.

Di seguito la traduzione integrale inedita del colloquio con il straight-forward giornalista europeo Sven Michaelsen.
Questa intervista è stata classificata  tra "I più letti" dai tedeschi.
Non avevo ancora trovato una versione italiana, quindi eccola.




19.10.13

MASTICARE VI PROTEGGE DAL POTERE IPNOTICO DELLA PUBBLICITA'

Masticare durante l'intervallo al cinema può proteggere il vostro cervello dalla pubblicità!
Per la serie "come funziona il nostro sistema operativo interno - piccoli trucchi ", alcuni scienziati, dell'Università di Wurzburg in Germania hanno creato numerosi esperimenti a riguardo.

L'intento della ricerca non è cercare un "trucco" per schermarci dal potere ipnotico della pubblicità , purtroppo è quello di trovare queste vulnerabilità per poi bloccarle, ahinoi.

15.10.13

ROUTER D-LINK: SCOPERTO "BACKDOOR BUG" NEL FIRMWARE

La Grande Opera
Un hacker scova una backdoor nel proprio hardware. E ne individua di identiche in tutta una famiglia di prodotti. Non è ancora chiaro lo scopo del codice incriminato.
La comunità hacker ultimamente sempre più consapevoli che quasi ogni software e alcuni hardware hanno all'interno di "default" una "sempre utile" backdoor, e prova a guardarsi attorno più e meglio che in passato: è così che si fanno delle scoperte peculiari, come quella pubblicata sulle pagine di devttys0 a firma di "Craig", che riporta per filo e per segno la descrizione di una backdoor scovata nel firmware del router taiwanese D-Link DIR-100.

13.10.13

Vaccini,Farmaci,Fluoro. IL GENOCIDIO DELL'ULTIMO UOMO - Russel Blaylock e Alex Jones (video)

La Grande Opera
Cos'è l'inquisizione scientifica ? Perchè si sente parlare di "Genocidio dell' ultimo Uomo" ?
Russell Blaylock è un neurochirurgo,è un ex assistente universitario clinico di neurochirurgia presso l' Università del Mississippi Medical Center ed è attualmente professore nel dipartimento di biologia presso Belhaven Collage.

E 'autore di numerosi libri e saggi, tra cui:

Eccitotossine: Il Gusto che uccide (1994), Salute e Segreti nutrizione che può salvare la vita (2002), e strategie naturali per i pazienti malati di cancro (2003), e scrive una newsletter mensile, il Rapporto Wellness Blaylock.

6.10.13

REFERENDUM SUL REDDITO DI CITTADINANZA... IN SVIZZERA, 2000 EURO AL MESE... E IN ITALIA ?

La Grande Opera
In Svizzera sono state raccolte le 100mila firme necessarie per indire il referendum sul reddito di cittadinanza e il comitato promotore le ha depositate a Berna.
Spetta ora al governo fissare la data del voto. La misura costerebbe più di 300 miliardi all’anno, da prelevare sull’iva.
La proposta ?

L’equivalente di 2mila euro al mese per ogni disoccupato

Quelli che non hanno, invece, ancora, compiuto i 18 anni riceverebbero, dalla nascita, l'equivalente di 500 euro.

Il reddito di cittadinanza svizzero non sarebbe "subordinato ad alcuna contro prestazione", né è da considerarsi "sostitutivo di un salario o di un'indennità perduti". Inoltre è da ritenersi "individuale", nel senso che verrebbe "corrisposto ai singoli e non alle famiglie".


Secondo il noto sociologo Bernard Kundig il reddito di cittadinanza è l'unica strategia per far sopravivere gli individui nell'era del capitalismo matto. "È l'unico modo per preservare l'umanità dall'agonia del capitalismo, consentendole un atterraggio in dolcezza senza eccessivi traumi"

Per quanto riguarda la Svizzera Rossi spiega che, per concretizzare l'ipotessi del reddito di cittadinanza "occorrebbero, a occhio e croce, 400 miliardi di franchi".

Ovvero circa 320 miliardi di euro "la metà dei quali verrebbero dirottati dalle assicurazioni sociali che, a quel punto, non verrebbero più erogate". Il "ginepraio" cui accenna Kundig, infatti, sparirebbe.
La metà che manca, secondo il professor Rossi, si potrebbe recuperare "spostando il carico fiscale dal lavoro verso il capitale, quindi tassando la ricchezza".

Il che significa, tuttavia, porre una seria ipoteca sull'esito del referendum, che finirebbe per essere condizionato dal timore di un improvviso impoverimento della Svizzera, a causa di un esodo massicio dei ricchi e dei loro averi, verso altri paradisi fiscali per via del reddito di cittadinanza.Fonte: euronews

1.10.13

The Faces of Facebook: TUTTI I PROFILI DI FACEBOOK IN UNA SOLA IMMAGINE.... ANCHE IL VOSTRO!

La Grande Opera
The Faces of Facebook è un progetto che consiste nella collezione di tutte le immagini profilo di tutti gli utenti di Facebook, aggiornate in tempo reale e messi l’una vicina all’altra.

Il risultato è un mosaico di pixel in continua evoluzione che conta più di 1,2 miliardi di tasselli
.
Ognuno di questi è sistemato in ordine cronologico d’iscrizione al social network.
Se avete pazienza troverete anche il vostro, statene certi.

(Il sito potrebbe essere lento a causa delle molte visite, potrebbe dare qualche problema di caricamento per questo.. ma in fondo è plausibile.. tutto il mondo cerca se stesso in una sorta di auto voyarismo :) )
Lo trovat
e qui.)


Il sito  è dinamico. Potete cliccare su una sezione e vedere i volti presenti al suo interno mostrati attraverso uno zoom.
È stato realizzato dal designer freelance Natalia Rojas, il quale afferma di non aver violato alcuna regola, visto che il sito non memorizza né informazioni né foto.

Unico tema: DE-POPOLAZIONE - David Rockefeller pubblicamente in video - Agenda 21, Usa

Politici, Governanti, economisti, militari e filosofi trovano un comune pensiero circa il tema della " Depopolazione" e/o del "controllo delle nascite".
Nel 1922, Margaret Sanger scrisse The Pivot of Civilization con una introduzione dell’eugenista H. G. Wells. Come vedremo, la Rockefeller Foundation «appoggiò fin da subito, entusiasticamente, il concetto di “eugenetica”, che incoraggia l’impegno riproduttivo di coloro che si ritiene abbiano geni buoni, mentre scoraggia o vuole bloccare del tutto la riproduzione di quelli indesiderabili.

Ma Rockefeller ed altri erano ansiosi di spingersi ancora oltre nel modellare la discendenza degli Americani

Fra i paladini del controllo della popolazione e degli studi eugenetici possiamo annoverare:
Theodore Roosevelt, Charles Wilson (presidente di Harvard) ed Irving Fisher (presidente di Yale e negli anni ’20 della Eugenics Research Association), più un bel numero di altre personalità di grande rilievo.

Gene Sharp, uno delle menti del movimento AGENDA 21 dell' Onu sulla decrescita felice e uno dei movimenti attivi a questo proposito.

Prima di leggere alcune fra le 20 citazioni più importanti sulla depopolazione da parte dell'elite , guardiamo questo inedito video tradotto in Italiano dove  David Rokefeller parla pubblicamente del problema e della necessita' del controllo della popolazione:


Ed ora, ecco 20 Citazioni, e sono solo una piccolissima parte, da parte di noti personaggi che si preoccupano circa il numero in aumento della popolazione:


1) Briefing ONU del marzo 2009 U.N.- politica della divisione popolazione….

“Cosa ci vorrà per accelerare il declino della fertilità nei paesi sottosviluppati?”

2) Bill Gates, Microsoft ….

“Il mondo oggi ha 6.8miliardi di persone . E sta andando verso i 9 miliardi. Ora se veramente accogliamo il lavoro sui vaccini, l’assistenza salutistica, i consultori per la riproduzione, potremmo abbassare questo trend del 10-15%.” leggi qui

3) John P. Holdren massimo consulente scientifico di Barak Obama….

“Un programma per sterilizzare le donne dopo il loro secondo o terzo figlio, nonostante tale operazione sia relativamente piu’ difficile che la vasectomia, potrebbe essere piu’ facile da implementare che cercare di sterilizzare gli uomini.

Lo sviluppo di una capsula che renda sterili a lungo termine e che potrebbe essere impiantata sotto pelle e rimossa quando si desidera una gravidanza, apre ad ulteriori possibilità per un controllo coercitivo della fertilità. La capsula potrebbe venire impianta alla pubertà e potrebbe essere removibile, con un permesso ufficiale, per un limitato numero di nascite.”

4) Paul Ehrlich…. Consulente scientifico di George W. Bush

“Ogni persona che ora si aggiunga influisce in modo sproporzionale sull’ambiente e sui sistemi che sostengono la vita del pianeta.”

5) Ruth Bader Ginsburg…. Corte Suprema USA

“Francamente avevo pensato che al tempo in cui si decise il Roe [redditività sul capitale proprio] c’era la preoccupazione sulla crescita della popolazione e particolarmente la crescita di quelle popolazioni di cui non vorremmo averne molti”

6) Un fondo ONU per la popolazione riporta come titolo “Affrontare il mondo che cambia : donne, popolazione e clima”….

“Nessun essere umano è seriamente ‘carbon neutral,’ (neutro rispetto al problema dell’anidride carbonica) specialmente se tutti i gas dell’effetto serra vengono presi in considerazione.”

7) David Rockefeller….

“L’impatto negativo della crescita della popolazione in tutti i nostri ecosistemi del pianeta sta diventando piu’ che evidente.”

8) Jacques Cousteau….

“Per poter stabilizzare la popolazione mondiale, dobbiamo eliminare 350.000 persone al giorno”

9) Ted Turner, fondatore della CNN….
“Una popolazione totale di 250-300 milioni di persone, ovvero il 95% in meno dei livelli attuali, sarebbe ideale.”

10) Dave Foreman, primo co-fondatore di Earth ….

“I miei tre maggiori obbiettivi sarebbero ridurre la popolazione umana a circa 100 milioni in tutto il mondo, distruggere le infrastrutture industriale vedere la natura selvaggia, con tutte le sue specie, ritornare sul pianeta.”

11)
Principe Filippo, Duca di Edimburgo….

“Se mi dovessi reincarnare mi augurerei di ritornare su una terra come un virus killer per abbassare i livelli della popolazione umana.”

12) David Brower, primo Direttore Executive del Sierra Club….

“Fare figli [dovrebbe] essere un crimine punibile contro la società, a meno che i genitori non avessero una licenza governativa per questo … A tutti i genitori potenziali [si dovrebbe chiedere] di usare contraccettivi chimici e il governo dovrebbe emettere antidoti per quei cittadini scelti per fare figli.”

13) Margaret Sanger….fondatrice di Planned Parenthood (pianificare l’essere genitori)

“La cosa pi’ misericordiosa che una famiglia possa fare ad uno dei suoi membri infantile, è ucciderlo.”

14) Margaret Sanger….fondatrice di Planned Parenthood . in: “ Woman, Morality, and Birth Control. New York: New York Publishing Company, 1922. Page 12….” [Donna, Moralità e controllo delle nascite. New York Publishing Company, 1922. Pagina 12

“Il controllo delle nascite deve infine portare ad una pulizia razziale.”

15) Peter Singer…. Filosofo di Princeton

“Ma perchè non facciamo in modo di essere l’ultima generazione su questo pianeta? Se tutti fossimo d’accordo nel farci sterilizzare , non ci sarebbe bisogno di sacrifici — potremmo fare festa lungo la via dell’estinzione!”

16) Thomas Ferguson, ex funzionario del Dipartimento di Stato USA, Affari della Popolazione….

“C’è un solo tema dietro ogni nostro singolo lavoro: dobbiamo ridurre i livelli della popolazione O i governi lo fanno come vogliamo noi, con bei metodi puliti, o avranno il tipo di casino che abbiamo in El Salvador, o in Iran o a Beirut. La popolazione è un problema politico .Una volta che la popolazione è fuori controllo, questo richiede un governo autoritario persino fascista, per ridurla ….”

17) Mikhail Gorbachev….

“Dobbiamo parlare piu’ chiaramente della sessualità, della contraccezione, dell’aborto, dei valori che controllano la popolazione, perché la crisi ecologica, in breve, è una crisi della popolazione. Tagliate la popolazione del 90% e non ne restano tanti, per fare un gran danno ecologico.”

18) John Guillebaud, professore di pianificazione famigliare all’ University College London….

“L’effetto sul pianeta di avere un bambino di meno, nell’ordine di grandezza è maggiore di tutte le altre cose che possiamo fare, come per esempio spegnere la luce. Un bambino in piu’ equivale a molte luci sul pianeta.”

19) Eric R. Pianka, professore di Biologia alla University of Texas a Austin ….

“Questo pianeta potrebbe essere in grado di sostenere forse mezzo miliardo di persone, che potrebbero vivere una vita sostenibile in un relativo comfort. La popolazione umana deve essere ampiamente ridotta ed il piu’ velocemente possibile , per limitare ulteriore danno ambientale”

20) Hillary Clinton…. Segreteria di Stato USA

“Quest’anno , gli USA hanno rinnovato i fondi alla salute per la riproduzione, attraverso il Fondo Popolazioni dell’ONU ed altre sovvenzioni sono in arrivo. Il Congresso USA, di recente ha prelevato piu’ di 648 milioni di dollari in assistenza agli stranieri per la pianificazione famigliare e i programmi sulla salute della riproduzione su scala mondiale. Questa è la maggiore assegnazione in piu’ di un decennio – dall’ultima volta che abbiamo avuto un presidente democratico, devo aggiungere.”

21) Nina Fedoroff….consulente di Clinton

“Abbiamo bisogno di continuare nella diminuzione del tasso di crescita della popolazione globale; il pianeta non puo’piu’ sostenere cosi tante persone.”

22) Il primo dei “10 comandamenti” sulle linee-guida delle Georgia Guidestones….

“Mantenete l’umanità al di sotto dei 500.000.000 di persone in equilibrio perpetuo con la natura.”

30.9.13

OMS: LA GUIDA ALL' EDUCAZIONE SESSUALE PER BAMBINI DA 0 A 16 ANNI !

 Bambino Nudo
con colomba Pittura

di Mark Bazile Perrault.
Si chiama Standard di Educazione Sessuale in Europa ed è una guida per i governi, sviluppata dall’ufficio europeo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in collaborazione con l’agenzia governativa tedesca per l’Educazione Sanitaria.
Il documento ha iniziato a essere diffuso presso i ministeri dell’Istruzione e della Salute d’Europa.

Mentre abbiamo letto da più fonti che l' OMS si sta preoccupando di diminuire l'eta' minima per l'attivita' sessuale dei bambini, scopriamo la loro guida che consiglia cosa trasmettere al bambino secondo le fasce d'eta, fino a 16 anni.





Ecco alcuni testuali esempi:


-Da 0 a 4 anni, l’OMS prescrive l’apprendimento del “godimento e piacere quando giochiamo con il nostro corpo: la masturbazione della prima infanzia”.

-Da 0 a 4 anni è l’ età ideale per “la scoperta del corpo e dei genitali”.

-A 4 anni, l’OMS afferma che i nostri figli sono in grado di “esprimere i bisogni, i desideri e i limiti, ad esempio nel gioco del dottore”.

-Da 4 a 6 anni i nostri figli hanno bisogno di sapere che la storia della cicogna come uccello-madre è un mito.

-Da 4 a 6 anni è l’età ideale, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, per “parlare di questioni sessuali”, esplorare “le relazioni omosessuali” e “consolidare l’identità di genere”.

-Tra i 6 e i 9 anni, gli esperti dell’OMS affermano che i nostri figli sono pronti a conoscere e difendere i “diritti sessuali di bambini e bambine”.

-Da 9 a 12 anni, e fino a 15, devono conoscere il problema della maternità imprevista. Lo dicono con una parafrasi: “l’impatto della maternità e della gravidanza tra gli adolescenti (cioè la crescita dei figli, la pianificazione familiare, i progetti di studio o di vita, la contraccezione , il processo decisionale e la cura nel caso di gravidanze indesiderate”. Da notare il giro che fa l’OMS per dire che prima dei 15 anni, i nostri figli sono pronti per essere clienti dell’industria dell’aborto.

-Da 9 a 15 , è bene che ricevano informazioni su dove trovare un contraccettivo e dove ottenere un aborto .

-Tra 9 e 15 anni è inoltre un’età chiave, secondo l’OMS, per insegnare che la religione cristiana rappresenta un ostacolo per il piacere e il godimento del proprio corpo: “Influenza di età, sesso, religione e cultura” nell’educazione affettiva e sessuale .

-A 15 anni è il momento di “aprirsi agli altri (dichiarare l’omosessualità , la bisessualità e altre opzioni)”
15 anni è anche l’età per venire a conoscenza, inoltre, del “sesso commerciale (prostituzione , ma anche sesso in cambio di piccoli regali, pranzi/notti fuori o piccole somme di denaro), pornografia, dipendenza dal sesso”.

I contenuti specifici della guida Standard di Educazione Sessuale in Europa, sviluppata dall’OMS, sono tantoprincìpi:

-Il principio per il quale i genitori sono una “fonte informale” di educazione, rispetto allo Stato come “fonte formale”, “scientifica” e veritativa.

-Il principio per cui l’educazione affettiva e sessuale dei bambini dev’essere pianificata in funzione di una “sensibilità di genere”. Cioè che la natura, i fatti, i dati, la responsabilità dei genitori… tutto debba sottomettersi ai dogmi della “sensibilità di genere”.

-Il principio secondo il quale l’educazione sessuale e affettiva “deve avere un approccio olistico”. Tutto è sesso, per l’OMS.
eloquenti quanto i

-Il principio per cui l’educazione sessuale e affettiva è funzionale al “rafforzamento dell’individuo e della comunità”. Tutto è politico, per l’OMS.

-Il principio per il quale gli insegnamenti dell’OMS sono “scientifici” e “neutrali” mentre quelli dei genitori vanno presi con le pinze.

La guida consiste di 83 pagine e le parole “amore” e “responsabilità” non appaiono o, quando ci sono, il loro peso e significato sono del tutto irrilevanti.
In compenso, la Guida parla costantemente di “piacere”, “benessere personale” e “istinti”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità è un’agenzia delle Nazioni Unite.

Si tratta di un documento di enorme influenza, diretto ai Ministri della Salute e dell’Istruzione in Europa, un documento che ignora i genitori come responsabili per l’educazione dei proprii figli.


Fonte:
Articolo riadattato preso da:  http://www.prolifenews.it
Traduzione a cura di Giovanni B. Reginato

Articolo originale pubblicato da HazteOir in lingua spagnola
Fonte: HazteOir

FACEBOOK, IL GRANDE EGGREGORE PARASSITA

La Grande Opera
Facebook è stato costruito ed è diventato un potente "eggregora", un non-luogo che si nutre del tempo delle persone.
Quanti di voi possono negare di aver più volte provato una irragionevole energia dovuta alle emozioni forti durante le interazioni con altri individui su Facebook ?
Possiamo usare lo strumento in un modo saggio oppure farci usare dallo strumento. A noi la scelta, che forse purtroppo abbiamo già ,fatto, se scelta si puo' chiamare.

25.9.13

BONO DEGLI U2: PREMIATO CAVALIERE BRITANNICO AL SERVIZIO DELLE AZIENDE OGM

Voglio richiamare l'attenzione circa la "Nuova Alleanza" per la sicurezza alimentare e la nutrizione discussa alla riunione del G8 dello scorso anno. L'alleanza sta spingendo i paesi africani a stipulare accordi che consentono alle aziende straniere di "afferrare" la loro terra, brevettano i loro semi e monopolizzano i mercati alimentari interni ed esterni dell'agricoltura.




24.9.13

LA "NUOVA" APP DI FACEBOOK - Un vero Cavallo di Troia - PRIVACY ADDIO (video)

L' investigazione del “London Times” ha rivelato che Facebook può spiare facilmente il contenuto dei nostri messaggi privati e non solo.
Quale giustificazione ha dato l’azienda per questa violazione?
Secondo le dichiarazioni ufficiali gli utenti accettano queste condizioni con il contratto di download dell’app, che viene ovviamente ignorato dalla maggior parte degli user educati ad essere APPROSSIMATIVI con tutto.


18.9.13

DOPO "ENERGICA", ECCO BE.E LO SCOOTER ELETTRICO FATTO CON LA CANAPA

I grandi canali di comunicazione che di grande hanno solo la struttura sembrano proprio non volere fare eco a certi nuovi "prodotti".

Dopo ENERGICA, la Super Moto di strada 100% elettrica e 100% Italiana, (clicca sul link per il video) ecco BE.E ed arriva da Amsterdam.



14.9.13

INTERVISTA AL GENERALE DEI GESUITI SULLA QUESTIONE SIRIANA: "Un attacco militare mette in dubbio il patrimonio cristiano degli Stati Uniti "

Mercoledi 04 settembre 2013 Il Generale Superiore dei gesuiti Adolfo Nicolás ha rilasciato sul sito ufficiale un'intervista in cui per via del tutto "stra-ordinaria" espone i suoi dubbi e commenti circa la questione Siriana e di un attacco militare da parte degli U.S.A.

Ha affermato per esempio un attacco militare degli Stati Uniti in Siria sarebbe un "abuso di potere" che dovrebbe essere "condannato e respinto".

Gesuita p.Adolfo Nicolás, che guida circa 18.000 membri dell'ordine che conta tra le sue fila Papa Francesco, aggiunge la sua voce ad un coro di prelati cattolici di tutto il mondo, criticando aspramente l'attacco
"Con tutto il rispetto per il popolo degli Stati Uniti, penso che un intervento militare come quello in programma è di per sé un abuso di potere", afferma Nicolás nell'intervista. "Gli Stati Uniti devono smettere di agire e di reagire come il ragazzone del quartiere del mondo (bullo).
Ciò porta inevitabilmente ad abusi, molestie e mobbing dei membri più deboli della comunità."

 
In molti si chiedono circa la natura di queste esternazioni.
Specie visto la rarità dei suoi commenti socio-politici, almeno pubblicamente.
Perchè il Silenzio sulla Libia, l' Iraq e su "tutto il resto".
Alcuni continuano ad urlare alla propaganda di facciata. Lo scopriremo solo vivendo.


Adolfo Nicolás, uno spagnolo nativo la cui figura è descritta come il "papa nero" per via del suo ruolo come Generale Superiore ed a causa della sua influenza in tutto il mondo, ha anche aggiunto che:
"Un attacco militare metterebbe in dubbio l'autenticità del patrimonio cristiano degli Stati Uniti ".

"Trovo estremamente sconvolgente che un paese che si considera, almeno nominalmente, cristiano, non poteva immaginare altri modi di agire oltre quello militare, invece di contribuire a riportare l'umanità alla legge della giungla. "
I commenti di Padre Nicolas sono stati pubblicati mercoledì qui, nella newsletter online circolata dalla sede dell'Ordine a Roma, come parte di un breve intervista con il sacerdote.

Questa pubblicazione esce proprio durante i lavori del Congresso americano che sta ricevendo il briefing e aggiornamenti da parte dell'amministrazione Obama, che sta a sua volta cercando l'approvazione per un attacco militare contro il presidente siriano Bashar al-Assad.

Il Segretario di Stato John Kerry, un cattolico,ha il compito di informare la Camera dei Rappresentanti della
Kerry e Assad a cena insieme con le mogli
Commissione Affari Esteri sulla questione di "mercoledì pomeriggio."


Kerry sosteneva e informava l'intelligence USA che aveva le prove "al di là di ogni ragionevole dubbio" che il governo di Assad aveva perpetrato il 21 agosto un attacco di armi chimiche contro le forze ribelli nel paese.


Kerry, un 1976 laureato alla Boston College Law School (Università Gesuita), è uno dei circa 53 membri del Congresso che si sono laureati nelle istituzioni gesuite di istruzione superiore.
E' anche
un massone del 33° grado ed uno Skull & Bones Cavaliere Pontificio di Eulogia.





Prima di criticare la proposta di attacco degli Stati Uniti in Siria, Nicolás dice che di solito non fa commenti su situazioni politiche, ma che:
"nel caso di specie si tratta di una situazione umanitaria che supera tutti i limiti che normalmente mi tengono in silenzio."
Devo confessare che non riesco a capire chi ha dato gli Stati Uniti o la Francia il diritto di agire nei confronti di un paese in un modo che sicuramente aumentare le sofferenze dei cittadini di quel paese, che, tra l'altro, hanno già sofferto oltre misura. La violenza e l'azione violenta, come ciò che è in corso di progettazione, devono essere sempre l'ultima risorsa e gestiti in modo tale che solo i colpevoli sono colpiti. Nel caso di un Paese questo è evidentemente impossibile da controllare e, quindi, mi sembra del tutto ingiustificata.

Nicolás aggiunge anche che sta facendo i suoi commenti perché rispetta gli Stati Uniti e ha paura  che stiano facendo un "terribile errore".
"Non ho alcun pregiudizio per quanto riguarda questo grande paese e ho un paio di gesuiti americani che lavorano con me, i cui pareri e servizi apprezzo molto altamente. Io non ho mai intrattenuto alcun sentimento negativo nei confronti degli Stati Uniti, un Paese che ammiro per molti titoli, tra cui l'impegno, la spiritualità e il pensiero. Quello che mi disturba di più è che ora proprio questo paese io rispetto tanto è sul punto di fare un simile errore terribile. E qualcosa di simile vale per la Francia. Un paese che è stato un vero leader in Esprit, l'intelligenza, e che ha fatto enormi contributi alla civiltà e cultura è ora tentati di riportarci alla barbarie, in aperta contraddizione di ciò che la Francia è stata un simbolo di per molte generazioni passate: Che due di questi Paesi sarebbero venuti insieme per un tale provvedimento scandaloso è parte della rabbia del mondo. Non abbiamo paura di un attacco; abbiamo paura della barbarie che piomberanno"
Quando gli viene chiesto come mai parla adesso. Il Generale Superiore risponde cosi:
Perché il pericolo è ora. Perché il Santo Padre ha adottato una misura che è straordinaria per indicare l'urgenza del momento. Per indicare che il 7 di settembre è un giorno di digiuno per il bene della pace. Ricordate che a un certo punto nel Vangelo, quando i discepoli di Gesù non potevano liberare un giovane di uno spirito maligno, Gesù disse loro: "Questa specie di spiriti non possono essere guidate via se non con la preghiera e il digiuno".

Fonte:
Newsletter dal sito ufficiale:
http://www.sjweb.info/news/index.cfm?LangTop=1&Publang=4&Tab=2

9.9.13

TRACCE EGIZIANE IN SICILIA - Miti, storie e collegamenti con la Sicilia Antica

Estratti da Bent Parodi - Miti e storie della Sicilia antica - Moretti & Vitali
L'"egittocentrismo" risponde ad una profonda esigenza, quella di manifestare latenti ma inesauste modalità dello spirito, di tracciare una via "esemplare" nella riscoperta delle nostre motivazioni originarie e dell'universo simbolico ad esso connesso.


8.9.13

L'ALTARE DELLA PATRIA COME L'ALTARE DI ZEUS - IL TRIONFO LAICO MASSONICO

Il complesso venne inaugurato da Vittorio Emanuele III il 4 giugno 1911, in occasione dell'Esposizione internazionale per i cinquant'anni dell'Unità d'Italia
L'architetto marchigiano Giuseppe Sacconi presenta il suo proggetto e vince.



L'idea di Sacconi si ispirava a grandi complessi classici come l'Altare di Zeus a Pergamo e il tempio di Palestrina. L'idea era quella di dar vita ad un grande spazio, alla stregua di un 'foro' aperto ai cittadini, una specie di piazza sopraelevata nel cuore della Roma imperiale, simbolo di un'Italia unita dopo la Roma dei Cesari e dei Papi.


G.Zanardelli
Esso fu concepito come tempio centrale della «seconda religione» italiana, quella laica, massonica e anticlericale.



L’idea è di Giuseppe Zanardelli (1826-1903), uomo politico fra i più massoni della storia d’Italia. Di lui si racconta che, in un momento di polemiche sui troppi parlamentari massoni, si tolse il cappotto a Montecitorio rivelando a tutti il grembiulino massonico.

Sacconi era un personaggio complesso. Nipote del cardinale Carlo Sacconi (1808-1889), più tardi lavorò ai restauri di Loreto e rimase sinceramente colpito dal mistero della Santa Casa, il che non gli impedì di professare idee politiche liberali e di lavorare come architetto eclettico, spesso pronto a compiacere i committenti.

Per il memoriale al primo re d’Italia, Vittorio Emanuele II (1820-1878), Zanardelli scartò tutti i progetti che avessero sia pur minimi riferimenti al cristianesimo, e scelse quello del giovane architetto marchigiano Giuseppe Sacconi (1854-1905),perché:

1) la simbologia era del tutto pagana – l’Altare della Patria, cuore del monumento, è dedicato alla Dea Roma

2)e perché, tranne il re defunto, il progettista non prevedeva statue di persone ma solo – molto massonicamente – d’idee: l’Economia, la Libertà, l’Unità.

Il fatto poi che per costruire il Vittoriano si demolirono:
la torre medievale di Paolo III (1468-1549), il Papa che convocò il Concilio di Trento,
e i tre magnifici chiostri del convento dell’Ara Coeli fu celebrato come un trionfo del progresso sull'oscurantismo del passato.

7.9.13

FUKUSHIMA: LA TEPCO HA DICHIARATO DI AVERE MANOMESSO I RISULTATI DELLE RADIAZIONI

Dall’impianto nucleare di Fukushima-Daiichi, non escono solo radiazioni. Ogni settimana sembra venir fuori un altro pezzo di verità che finora era stata deliberatamente occultata al mondo. Ieri la TEPCO ha finalmente ammesso di aver fornito dati sulle radiazioni avvenute del 20 % inferiori ai dati reali.


Ma il punto cruciale qui è capire come la TEPCO abbia potuto fornire questi dati ingannevoli fin dall’incidente del 2011.
Pare che (si legga sotto) la TEPCO abbia volutamente utilizzato dei rilevatori di radiazioni calibrati al ‘ribasso’ (es.: che non superano mai i 100 mSv).
Quando questi rilevatori raggiungono il massimo dei limiti radioattivi rilevati, invece di passare ad utilizzare congegni a più largo raggio di rilevazione, continuano a segnalare sempre il loro livelli massimi, facendoli passare per dati “reali” di esposizione.

Cosa??? Già, proprio così. Siamo seri. Ed ecco come lo abbiamo scoperto.

EMISSIONI RADIOATTIVE 18 VOLTE PIÙ ALTE DI QUELLE DICHIARATE IN PRECEDENZA

Secondo un comunicato stampa della TEPCO riportato da Bloomberg Japan , "TEPCO ha dichiarato di aver rilevato un’altissima concentrazione radioattiva di 1800 mSv l’ora nella zona periferica del serbatoio”.

Si trattava di acqua altamente radioattiva che fuoriusciva dagli ormai noti “serbatoi di stoccaggio”, serbatoi che, in primo luogo, non sono mai stati progettati per fungere da stoccaggio a lungo termine. In precedenza, la TEPCO dichiarò che questi serbatoi registravano una radiazione di soli 100 mSv all’ora, occultando praticamente il 95% dell’effettivo livello di radiazione.
E anche qui, stessa storia:

A proposito del livello orario di radiazioni di 1800 mSv, il Prof. Ito Tetsuo, della Kinki University (Biologia delle Radiazioni) ha affermato che: “Se una persona viene esposta a simili livelli per ore, possiamo parlare di una sola cosa, e si chiama morte. Il 100% delle persone esposte a livelli del genere moriranno entro 30 giorni”.


Anche la BBC sta seguendo la vicenda, in caso si voglia sentire la notizia in inglese, ecco il link BBC :

“Le autorità giapponesi hanno avvertito che i livelli di radiazione intorno all’impianto nucleare di Fukushima sono 18 volte più elevati di quanto si pensasse. Si viene ora a sapere che i livelli radioattivi rilevati sabato scorso nelle vicinanze del serbatoio di stoccaggio in questione, erano tali da essere letali dopo solo quattro ore di esposizione.”

“I nuovi dati avranno conseguenze dirette sulle dosi radioattive a cui sono stati esposti gli addetti dell’impianto che la settimana scorsa sono stati lì continuativamente, tentando di contenere la perdita
(servizio da Tokyo di Rupert Wingfield-Hayes della BBC).”


E si tratta comunque di una minimizzazione: il termine “conseguenze dirette” vuol dire che quei tecnici sono già praticamente morti.









COME SI È PASSATI DA 100 MSV A 1800 MSV? E’ CHE ALLA FINE HANNO INIZIATO AD UTILIZZARE UN DIVERSO RILEVATORE DI RADIAZIONI.


Quindi, esattamente, come ha fatto la TEPCO a rilevare fino a poco fa solo 100mSv e poi all’improvviso dichiara 1800 mSv l’ora?

Non ci crederete quando ve lo diremo: utilizzavano un rilevatore di radiazioni calibrato per un massimo di 100mSv.

Con la stessa logica potrò brevettare a breve la “miracolosa dieta Fukushima ”, una dieta che prevede una bilancia in grado di pesare al massimo 60 kg. Quando la usi, il tuo peso non ha alcuna importanza: la bilancia segnerà al massimo 60 kg. Miracolo della dieta Tepco…

In altre parole, alla TEPCO, le misurazioni sono state eseguite con rilevatori di radiazioni  progettati in modo tale da non essere in grado di misurare l’intera gamma di radiazioni presenti nell’ambiente. Il livello di radiazione segnalato, quindi, corrispondeva al limite massimo misurabile dai quei rilevatori a ‘bassa frequenza’.

Tutto questo è talmente disonesto da sfociare nel crimine. Non solo quelli della TEPCO  sono ricorsi a un giochetto di prestigio utilizzando dei rilevatori a ‘corto raggio’, ingannando così il mondo intero, ma hanno anche mentito con il “max 100 mSv” per stabilire il tempo massimo di esposizione consentita ai tecnici impegnati nell’intervento di emergenza.



Risulta infatti che i calcoli effettuati hanno un margine di errore di ben 18 volte. Questo significa che tutti gli addetti dell’impianto che hanno lavorato in quell’area negli ultimi giorni sono stati esposti a radiazioni del 1800% superiori a quanto gli era stato detto.


COLTI IN FLAGRANTE NEL GIOCHETTO DEL ‘RIBASSO’



Ed è stato un approccio che la TEPCO ha seguito fin dal primo giorno dell’incidente: MENTIRE!

Va ricordato che la TEPCO era anche dietro quella bizzarra propaganda governativa in stile lavaggio-del-cervello (7) che andava diffondendo tra la gente la notizia che per diventare immuni alle radiazioni bastava bere molta birra e ridere tanto.

Abbiamo anche saputo da notizie diffuse nel 2011 che la TEPCO spesso spegneva il sistema di rilevazione delle radiazioni per non far spegnere i sistemi di allarme. Radiazioni? Quali radiazioni?

E ora sappiamo anche che la società ha volutamente utilizzato dei rilevatori calibrati a un massimo di 100 mSv. Qualsiasi spiegazione farebbe comunque acqua, perchè chiunque utilizzi delle strumentazioni scientifiche sa bene che se le misurazioni superano il massimo rilevabile, va utilizzato uno strumento di gamma superiore!

In altre parole, se il contachilometri della tua macchina segna al massimo 180 kmh e tu vai a tavoletta sull’autostrada superando i 180 kmh, questo non significa che stai andando a 180 kmh solo perché il contachilometri segna 180. Questo discorso è più che ovvio. Eppure la TEPCO ha continuato a girare intorno al suo impianto con i suoi rilevatori truccati, dichiarando che quel livello “massimo” segnalato fosse il dato reale.

SE LA TEPCO HA MENTITO SULLE EMISSIONI RADIOATTIVE, SU COS’ALTRO HA MENTITO?

Questo ci porta ad un altro punto importante dell’articolo: su cos’altro ha mentito finora la TEPCO? Su tutto, pare. La TEPCO ancora non ammette che l’impianto abbia subito un incidente di fusione del nocciolo. Ancora non ammette che l’impianto stia per collassare, nel qual caso si sprigionerebbe un’immensa nube radioattiva che devasterebbe l’intero Nord America. E, ovviamente, non ammette di aver bisogno di un sostegno internazionale per risolvere il problema.
Di conseguenza, grazie all’arroganza e alla disonestà criminale del management e dei burocrati della TEPCO, un’altra massiccia fuoriuscita radioattiva è praticamente inevitabile. Basta un altro terremoto.
E’ inconcepibile che la maggiore società di impianti nucleari del paese non sia dotata di rilevatori di radiazione in grado di misurare 1800 mSv all’ora. Quest’ ingannevole strategia di dichiarare emissioni inferiori è palesemente intenzionale. Fa parte di una deliberata volontà della TEPCO di mentire al Giappone, ai propri dipendenti e al mondo intero sulla reale portata del disastro nucleare verificatosi a Fukushima.

di Mike Adams

Traduzione ComedonChisciotte
Fonte Originale : http://www.naturalnews.com/041881_fukushima_radiation_leaks_deception.html1.09.2013

5.9.13

Bashar al-Assad E' STATO CAVALIERE DELLA REPUBBLICA ITALIANA, POI REVOCATA

Bashar al-Assad, il tanto discusso dalla propaganda occidentale Presidente Siriano è stato dal 2010 al 2012
Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone dell'Ordine al merito della Repubblica italiana. «Di iniziativa del Presidente della Repubblica.» l' 11 marzo 2010.
Si legge su Wikipedia , alla pagina ufficiale del Presidente Siriano


Poi Revocata per indegnità il 28 settembre 2012.
Ed è stato il primo e l'unico caso di revoca in Italia, tramite Gazzetta Ufficiale (vedi sotto)





Ed è anche rimasta la pagina sul sito del Quirinale, dove hanno però rimosso il "dettaglio decorato" dalla pagina.




L'Ordine al merito della Repubblica italiana è il più alto degli ordini della Repubblica italiana.

Il Grado di Cavaliere di gran croce decorato di gran cordone è la massima onorificenza concessa dalla Repubblica Italiana.
Eccezionalmente conferito ai cavalieri di gran croce per premiare altissime benemerenze di persone eminenti, italiane e straniere.
Dello stesso grado si sono forgiati personaggi come la Regina Elisabetta II ma solo nel caso di Assad l'Onoreficenza è stata revocata ufficialmente con pubblicazione sulla
Gazzetta n. 255 del 31 ottobre 2012:
Revoca per indegnita' del decreto del Presidente della Repubblica 11 marzo 2010 di conferimento di onorificenza dell'Ordine Al merito della Repubblica Italiana»
Ai sensi dell'art. 5 della legge 3 marzo 1951, n. 178, e dell'art. 12 del decreto del Presidente della Repubblica 13 maggio 1952, n. 458, si comunica che con decreto del Presidente della Repubblica in data 28 settembre 2012 e' stato revocato il decreto del Presidente della Repubblica dell'11 marzo 2010, relativo al conferimento dell'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine Al merito della Repubblica Italiana» al Presidente della Repubblica Araba Siriana Bashar AL-ASSAD.
Il predetto nominativo e' stato a suo tempo pubblicato nel Supplemento ordinario n. 188 alla Gazzetta Ufficiale n. 188 del 13 agosto 2010, Serie generale, pag. 1, rigo n. 12 (elenco Gran Cordone - art. 2 - stranieri).
Fonte: http://www.gazzettaufficiale.biz/atti/2012/20120255/12A11532.htm





Chi era il presidente che ha premiato Assad nel 2010 ? Napolitano.
Perchè apprezzava la laicita' del suo governo. Il caro cavaliere dell' Ordine Piano..

Nel 2012 invece, sotto il Governo Monti, senatori di tutte le fazioni ma in particolare Idv e Radicali  hanno spinto Napolitano, Monti ed anche la Farnesina affinchè fosse rimossa l' Onoreficenza che non sarebbe spettata a chi " uccide il proprio popolo ".

Secondo  la legge n.178 del 1951 che stabilisce l’iter. <<Salve le disposizioni della legge penale - si legge all’articolo 5 - incorre nella perdita dell’onorificenza l’insignito che se ne renda indegno>>

 
Il presidente Ciampi trasferisce a Napolitano
il gran cordone di Gran maestro dell'OMRI
Cosi' per la prima volta è stata revocata L'onoreficenza con il grado più Alto con una fretta particolare da parte di molti senatori che mai abbiamo visto quando il paese aveva bisogno di importanti azioni.

Probabilmente già consapevoli del futuro cambio di rotta che da li a poco ci sarebbe stato contro la Siria. Cosi come è accaduto per Gheddafi in Libia.
I rapporti cambiano spinti da qualcosa o qualcuno.

26.8.13

LA TRUFFA DELLA BENZINA (video)

Giustizia nel paese dell’oro nero.
Da più di centocinquant’anni il petrolio è uno dei principali carburanti dell’Industria del capitalismo ma costa caro, l’oro nero, e non solamente all’ecologia.

Costa la vita in Irak, in Libia in, Africa dove controllo delle compagnie petrolifere è garantita dalle bombe, dai massacri e dai colpi di stato. Costa denaro in Francia. Un mercato di più di 50 miliardi di euro sufficiente per uno stipendio e magari due.

Un pieno di 40 litri da 1,60/l costa in questo momento 64 euro. Su questi 64 euro, 1.30€ servono al massimo per pagare l’estrazione. Il trasporto è 60 centesimi.
La raffinazione e la distribuzione rappresentano al massimo il 16 per cento della somma, quindi 10€. Abbiamo quindi 12 euro su 64

21.8.13

LO YOGA IN ALEISTER CROWLEY - Vita,Influenze Yoga e Pratica Magica



di Marco Pasi.
Come afferma Massimo Introvigne, "Crowley si comprende difficilmente senza il suo radicamento nello yoga" [1]. Lo yoga pervade un po' tutta la sua opera, assumendo nei suoi scritti un'importanza almeno pari a quella della magia tradizionale occidentale.

Necessariamente in questa sede non sarà possibile affrontare il tema del rapporto tra Crowley e lo yoga in tutta la sua ampiezza e complessità, tema che sinora non è mai stato approfondito adeguatamente. Mi limiterò in primo luogo a ripercorrere brevemente il modo e il contesto in cui Crowley venne in contatto per la prima volta con lo yoga. Farò poi qualche riflessione e offrirò qualche interpretazione sul significato che lo yoga ebbe per Crowley.
    "Yoga? There's danger in the biz!
                   But, it's the only chance there is!"
                   (For life, if left alone is sorrow,
                   And only fools hope God's tomorrow.)

                   Aleister Crowley, The Sword of Song.

Solitamente, quando si parla di influssi di dottrine orientali sul sistema di Aleister Crowley, il riferimento immediato e spontaneo è al tantrismo [2]. Questo, probabilmente, per un semplice motivo. L'aspetto che sicuramente ha solleticato di più la fantasia e l'interesse di coloro che si sono occupati di Crowley è senza dubbio quello della magia sessuale.

Sembra dunque quasi darsi per scontato che Crowley abbia derivato le sue pratiche di magia sessuale da fonti di prima mano, durante i suoi viaggi in oriente.
Per esempio John Symonds e Kenneth Grant, nell'introduzione alla loro edizione di Magick, sostengono che "Crowley era stato iniziato anche alle branche più oscure dello yoga, conosciute genericamente come tantrismo" [3].
Se definire il tantrismo "una delle branche più oscure dello yoga" non è già di per sé molto corretto, non risulta né dall'autobiografia di Crowley, né dalla biografia dello stesso Symonds che Crowley abbia ricevuto un'iniziazione del genere durante uno dei suoi viaggi in Oriente [4]. A meno che Symonds e Grant non facciano riferimento con ciò agli insegnamenti che Crowley ricevette quando entrò a far parte dell'Ordo Templi Orientis, nel 1910.

In questo caso però, si dovrebbe sottolineare che la conoscenza che Crowley ricevette del tantrismo Ordo Templi Orientis fu comunque una conoscenza già mediata da un filtro occidentale. Con ciò intendo dire che questa conoscenza non fu né appresa direttamente sui testi originali del tantrismo né ricevuta da un maestro orientale. Non sarà certo un caso che Crowley, tra le letture consigliate per coloro che intendono intraprendere il cammino della realizzazione secondo il suo sistema, non inserisca nemmeno un testo della tradizione tantrica, mentre invece abbondano opere classiche della tradizione yoga e buddista [5].


La vera "scoperta" che Crowley fece in India fu in realtà proprio lo yoga. Lì egli studiò i testi della tradizione e cominciò a metterne in pratica gli insegnamenti. In qualche modo tutto il suo lavoro successivo venne influenzato da queste esperienze e lo spazio che egli dedicò allo yoga nelle sue opere è molto ampio [6].
Crowley aveva solo ventisei anni quando giunse per la prima volta in India. L'interesse per la spiritualità orientale aveva già da tempo cominciato a diffondersi in Occidente e da curiosità erudita si stava trasformando sempre più in esigenza esistenziale.

Attraverso la Società Teosofica e grazie ad avvenimenti come quello del Parlamento Mondiale delle Religioni, tenutosi nel 1893 a Chicago in concomitanza con l'Esposizione Universale, l'Occidente veniva a conoscenza di nuovi, esotici, percorsi spirituali.
Come hanno fatto notare sia James Webb che Massimo Introvigne, questa ricerca della spiritualità orientale si trovò molto spesso unita a un interesse per le tradizioni esoteriche e occulte occidentali [7]. In questo contesto si colloca la "scoperta" dello yoga da parte di Aleister Crowley.

Questa scoperta avvenne quando Crowley, nei primi di agosto del 1901, giunse a Ceylon [8]. Erano ormai diversi mesi che era in viaggio. Nella primavera del 1900 alcuni contrasti sorti all'interno della Golden Dawn tra Mathers, che ne era il capo, e altri membri prominenti, tra cui William Butler Yeats, avevano portato a una scissione nell'ordine [9].
Crowley, che ne era entrato a far parte meno di due anni prima, aveva parteggiato per Mathers, ma dopo la scissione vera e propria aveva deciso di lasciare l'Inghilterra per un lungo periodo. Il suo patrimonio, allora ancora intatto, gli consentiva di intraprendere questo viaggio, al quale ne sarebbero seguiti molti altri, senza preoccupazioni. La sua prima destinazione fu il Messico, che raggiunse nel luglio del 1900. Rimase in questo paese diversi mesi e durante il suo soggiorno fu raggiunto dal suo amico Oscar Eckenstein. Eckenstein era un alpinista piuttosto famoso e Crowley aveva già compiuto diverse scalate con lui sulle Alpi.

I due fecero alcune ascensioni sulle montagne più alte del paese centroamericano. È opportuno richiamare questi particolari, perché pare che Eckenstein non sia stato solo un maestro di alpinismo per il più giovane Crowley. Nella sua autobiografia, Crowley ci dice infatti che fu lui, proprio durante il soggiorno in Messico, a insegnargli una tecnica di concentrazione, che consisteva nell'immaginare un oggetto e nel tenere questa immagine fissa il più a lungo possibile [10]. Lo scopo era na turalmente quello di ottenere un certo controllo sulla mente e sui processi del pensiero.
Purtroppo Crowley non ci dice dove Eckenstein avesse appreso questa tecnica, anche se ci avverte che il suo mentore non aveva nulla a che fare con la magia e che, anzi, si prendeva gioco del suo più giovane amico per i suoi interessi occulti [11].

A partire da questo momento, Crowley mise da parte la magia cerimoniale che aveva imparato a praticare nella Golden Dawn e si dedicò a esperimenti basati su questa nuova tecnica [12]. Ciò preparò sicuramente il terreno all'incontro con le tecniche dello yoga vero e proprio.

Dopo essersi separato da Eckenstein e aver lasciato il Messico, Crowley attraversò il Pacifico, con l'intenzione di raggiungere un altro suo amico, Allan Bennett, che aveva conosciuto nella Golden Dawn. Bennett si era ritirato a Ceylon da circa un anno e aveva cominciato a studiare lo yoga e il buddismo con un maestro del luogo.

Crowley stimava molto Bennett; avevano vissuto insieme a Londra per un certo periodo e avevano fatto molti esperimenti di magia cerimoniale. In seguito al suo trasferimento a Ceylon, Bennett aveva abbandonato la magia della tradizione occidentale, per dedicarsi allo studio della sapienza indiana. Come abbiamo visto, anche Crowley aveva temporaneamente messo da parte la magia, e, quando giunse a Ceylon, era pronto a lanciarsi in questa nuova avventura spirituale.

Il maestro di yoga di Bennett era Sri Parananda Ramanathan, del quale non sappiamo granché se non che era il Procuratore Generale di Ceylon e apparteneva a una setta scivaita. Al suo arrivo, Crowley si unì subito a Bennett nelle sue ricerche e nei suoi esperimenti con lo yoga.
Entrambi erano, come Crowley stesso dice, "determinati a praticare i sistemi orientali sotto un cielo orientale e con metodi solamente orientali" [13].

Crowley convinse Bennett ad affittare un bungalow a Kandy, nell'interno dell'isola, e a continuare da soli le pratiche yoga. Le tecniche che Crowley apprese in quel periodo erano perlopiù tecniche dello yoga "classico", basato cioè sui principi fissati da Patañjali [14]. Quotidianamente egli si esercitava con l'âsana, cioè l'assumere con il corpo una determinata posizione sino a raggiungere l'assoluta immobilità, il prânâyâma, cioè la tecnica di controllo del respiro, il dhâranâ, ovvero la concentrazione che consente l'arresto del flusso del pensiero[15]. Ai primi di ottobre, dopo due mesi di queste continue pratiche, Crowley raggiunse, a suo dire, quello che è il penultimo gradino della realizzazione yoga, il dhyâna. Superiore al dhyâna è solo il samâdhi, che è la meta suprema per colui che pratica lo yoga e segna il raggiungimento della liberazione. L'esperienza del dhyâna fu per Crowley molto importante. Secondo Israel Regardie fu "il più importante risultato spirituale che egli avesse conseguito sino ad allora." [16] Dopo questo successo Crowley interruppe i suoi esercizi. Probabilmente questo successo l'aveva appagato a sufficienza. Verso la fine di novembre lasciò Ceylon. Doveva raggiungere il nord dell'India, dove aveva un appuntamento con Eckenstein per organizzare una spedizione sul K2.

Non risulta che negli anni successivi egli abbia mai ripreso a praticare lo yoga con la stessa assiduità che caratterizzò il "ritiro" di Ceylon, ma evidentemente le esperienze di quel periodo ebbero un profondo influsso su di lui. Successivamente, Crowley rivendicò di avere raggiunto anche il samâdhi, e di avere completato dunque il suo percorso mistico secondo i canoni dello yoga, anche se non è ben chiaro in quale momento ebbe questa esperienza.

C'è un aspetto da tenere in considerazione a proposito delle pratiche yoga di Crowley a Ceylon, che è stato evidenziato da Regardie [17].
Il dhyâna fu ritenuto da Crowley un passaggio di particolare valore nel suo percorso spirituale. Anche dopo il suo distacco dalla Golden Dawn, e la sua perdita di fiducia nei confronti di Mathers, Crowley aveva continuato a scandire la sua evoluzione magica e spirituale secondo lo schema di gradi dell'Ordine.

Ciò significa che, non potendo più ottenere i gradi della Golden Dawn attraverso l'iniziazione formale, egli cominciò ad autoattribuirsi questi gradi in successione. Così, se il lavoro magico svolto in Messico gli consentì di attribuirsi il grado di Adeptus Major, grazie al dhyâna di Ceylon, poté ascendere al grado di Adeptus Exemptus. Dunque possiamo notare che Crowley vedeva una certa continuità tra le sue pratiche magiche e l'esperienza dello yoga. Si può dire che per lui il percorso era sempre unico, anche se diverse e multiformi potevano essere le esperienze che consentivano di procedere.

Quali furono gli aspetti dello yoga che attrassero tanto Crowley? C'è un elemento caratteristico dello yoga che è stato evidenziato da Eliade, che ci interessa particolarmente: è quello della "sperimentalità" [18]. Lo yoga non ci presenta una metafisica dogmatica e complicata, ci offre semmai un percorso d'azione. Ci dice cosa fare per ottenere certi risultati. Se i risultati si ottengono oppure no, ognuno lo può sperimentare attraverso la pratica. Questa spiccata tendenza al concreto non poteva non essere congeniale a Crowley.

Qui è opportuno aprire una parentesi. C'è un aspetto della mentalità di Crowley, che è stato piuttosto trascurato e che invece a me sembra centrale. Faccio riferimento alla sua forte componente di razionalismo. Forse il fatto che egli si sia occupato di magia e di misticismo per tutta la vita porta a ritenere che la sua forma mentale era prevalentemente basata su criteri irrazionali. Niente di più lontano dalla verità. Si può dire invece che Crowley aveva una componente razionalista così spiccata, da accordarsi con le tendenze più prettamente positivistiche della sua epoca. Nei suoi scritti Crowley cita a ogni piè sospinto autori come James Frazer, Herbert Spencer, Thomas Henry Huxley; studiosi e pensatori che della razionalità e del positivismo avevano fatto una causa da difendere e da diffondere. Che si trattasse di magia o di yoga, l'idea di Crowley era di procedere sempre con un rigoroso metodo sperimentale.

Durante il suo apprendistato nella Golden Dawn, Crowley aveva imparato a tenere un diario nel quale annotare i suoi esperimenti magici. Ora metteva a frutto questa pratica trasformando i suoi diari in veri e propri registri di laboratorio. Durante i mesi trascorsi a Ceylon egli annotò con cura tutti i suoi esercizi, registrando tra l'altro la sua condizione fisica e mentale del momento e il risultato ottenuto. Allo stesso modo si comporterà diversi anni dopo quando "scoprirà" il metodo della magia sessuale e comincerà a fare esperimenti con essa [19]. Con questo spirito da ricercatore scientifico Crowley si accostò allo yoga. E lo yoga, proprio per la sua caratteristica di "sperimentalità", cui abbiamo accennato prima, si prestava particolarmente bene a un approccio di questo tipo


C'è poi un altro aspetto interessante. Una cosa in particolare sembra essere stata molto a cuore a Crowley: l'origine del "genio". All'inizio della prima parte del Book Four, dedicata appunto allo yoga, Crowley tratta l'argomento [20]. In qualche modo questo ci aiuta a capire il significato delle pratiche yoga per Crowley, e d'altra parte conferma indirettamente ciò che abbiamo detto detto a proposito del suo razionalismo. Crowley dunque, nel testo citato, vuole affrontare razionalmente il problema della religione. Tutte le vecchie religioni, secondo lui, sono ormai al collasso.

Ciò che si può fare è reimpostare la questione dal principio. Le religioni sono molte e molto diverse tra loro, ma forse è possibile trovare un elemento condiviso da tutte. Ebbene, questo elemento egli lo individua proprio nel "genio religioso", cioè in quel particolare carisma posseduto da coloro che fondano nuove religioni. Tutti i fondatori di religioni, ci dice Crowley, presentano un tratto in comune: a un certo punto della loro vita essi scompaiono, o si ritirano, per un periodo più o meno lungo e, quando ricompaiono, sono in possesso del carisma necessario per fondare una nuova religione. Durante quel periodo di ritiro, evidentemente, deve accadere qualcosa di particolare.

Ebbene, secondo Crowley quello che è accaduto a Mosè, a Gesù, a Maometto, al Buddha e a tutti gli altri fondatori di religioni è del tutto analogo a quell'esperienza mistica che nello yoga viene definita con il termine samâdhi. Secondo lo yoga di Patañjali il samâdhi è l'ultimo stadio della realizzazione, quello nel quale si raggiunge la liberazione. Per Crowley, se i vari fondatori di religioni hanno descritto quest'esperienza in modo diverso, è perché diverse erano le culture e le tradizioni nelle quali essi si erano formati. Questo ha fatto sì che essi interpretassero quello che sostanzialmente era lo stesso fenomeno in modi diversi. Così, per esempio, Maometto ha conversato con l'arcangelo Gabriele, il Buddha è giunto all'Illuminazione, Mosè ha incontrato Dio sul Monte Sinai.

Questo è un punto estremamente importante, sul quale è necessario fare una riflessione. Crowley traccia un'equazione tra le esperienze mistiche o di contatto con la divinità che alcuni "fondatori di religioni" hanno sperimentato, con l'esperienza del samâdhi. Questo perché entrambi i tipi di esperienze consentono al "genio" che è latente nell'uomo di affiorare. E allora ecco l'intuizione di Crowley: se queste esperienze sono in sostanza una sola cosa, allora con lo yoga si ha a disposizione una tecnica che consente di giungere a essa. Lo yoga, dunque, diventa un metodo per ottenere "genio" a volontà. Un metodo, per giunta, del tutto sperimentale.

C'è tuttavia un aspetto che rimane sottinteso nel suo discorso. Crowley riteneva che in lui fosse affiorato né più né meno lo stesso "genio religioso" che egli individuava nei fondatori di religioni citati prima. Anche Crowley riteneva di avere un messaggio da diffondere al mondo, un messaggio che fosse adatto per la nuova era. Egli fondò la sua religione, la cosiddetta religione di Thelema, basata su una "rivelazione" contenuta in un "testo sacro", il Libro della Legge [21]. Naturalmente Crowley non intendeva dire che chiunque pratichi lo yoga sino a raggiungere il samâdhi sia in grado di fondare una religione, ma quantomeno il sottinteso è che a lui è accaduto proprio questo.

Una citazione tratta dal Book Four servirà a illustrare meglio questo aspetto:
...affermiamo l'esistenza d'una fonte segreta di energia che spiega il fenomeno del Genio. Noi non crediamo ad alcuna spiegazione sovrannaturale, ma sosteniamo che tale fonte può essere raggiunta seguendo regole precise; il grado del successo dipende dalle capacità del ricercatore, non già dal favore di un Essere Divino. Noi affermiamo che il fenomeno critico che determina il successo è un atto che si compie nel cervello ed è caratterizzato essenzialmente dall'unione di soggetto e oggetto. [22]

Da queste parole risalta in modo assai chiaro l'aspetto razionalista, direi quasi positivista di Crowley. A Crowley non sembrano interessare molto i principi filosofici su cui si basa lo yoga, come il dualismo tra purusa e prakrti, che corrisponde grossolanamente a quello occidentale tra spirito e materia, o la presenza di Içvara, cioè di un'entità suprema. Questi sono elementi che potremmo definire "sovrastrutturali", che dipendono dal contesto ambientale in cui lo yoga come dottrina è stato formulato. Essi dipendono quindi dal livello di comprensione di coloro cui le dottrine yoga erano originariamente dirette.

Ciò che solo conta è il nucleo di queste dottrine: eliminando l'involucro e mantenendo il nucleo si ha una tecnica valida per chiunque. Notiamo qui un aspetto molto evidente del pensiero di Crowley, che lo identifica senza dubbio come un figlio del suo tempo. È quello che potremmo definire "pregiudizio positivista". In effetti egli riteneva di capire e saper interpretare le dottrine tradizionali dello yoga meglio di quanto facessero gli indiani stessi [23]. Si tratta qui, più o meno, di quello stesso tipo di pregiudizio che René Guénon, in una sua nota opera sulle dottrine tradizionali indù, definiva come "un'incredibile aberrazione". [24]

Non ci sono misteri, né implicazioni metafisiche, nella visione che Crowley ha dello yoga. Si ha a che fare, si direbbe, quasi esclusivamente con la cruda fisiologia. E questa visione "fisiologica" dell'esperienza spirituale o religiosa conduce Crowley a un'intuizione che mi sembra di straordinario interesse. In un passo della sua autobiografia egli scrive:
... il samâdhi, qualunque cosa sia, è perlomeno uno stato mentale esattamente come la concentrazione, la rabbia, il sonno, l'ebbrezza e la malinconia. Molto bene. Ogni stato mentale è accompagnato da stati fisiologici corrispondenti. Si osservano lesioni della materia cerebrale, disturbi dell'irrorazione sanguigna, e così via, in una relazione apparentemente necessaria con questi stati spirituali. Inoltre, sappiamo già che certe condizioni spirituali o mentali possono essere indotte agendo sulle condizioni fisico- e chimico-fisiologiche. (...) Perché dunque non dovrebbe essere possibile escogitare un qualche metodo farmaceutico, elettrico o chirurgico per indurre il samâdhi e creare il genio semplicemente come creiamo altri tipi di particolare eccitazione? La morfina rende l'uomo santo e felice, ma in un modo negativo; perché non dovrebbe esserci una qualche droga che sia in grado di produrre l'equivalente in positivo? Il mistico rimarrà senza fiato per l'orrore, ma non è necessario prestargli attenzione. È lui che insulta la natura postulando una discontinuità nei suoi processi. Se ammettiamo che il samâdhi è uno stato sui generis va a finire che ci ritroviamo di nuovo di fronte tutte le fandonie del soprannaturale che già avevamo messo da parte. [25]

Questo passo mostra a quale estrema conseguenza era giunto l'atteggiamento "razionale" di Crowley nei confronti dello yoga. Secondo Crowley, se neghiamo qualsiasi carattere di soprannaturalità al samâdhi, rimane di esso il solo aspetto fisio-psicologico. Stando così le cose questo stato potrebbe essere indotto, almeno teoricamente, con un qualche mezzo artificiale, nella fattispecie qualche sostanza psicoattiva.

È noto che Crowley fece uso di droghe sin dalla giovinezza. Ebbene, nel passo citato troviamo una spiegazione estremamente lucida di questo uso. All'origine troviamo il desiderio della sperimentazione, la ricerca di nuove vie, anzi di scorciatoie, per la realizzazione spirituale.

A che scopo perdere tempo in esercizi complicati ed estenuanti, se è possibile avere tutto subito? Questo aspetto è tanto più interessante se consideriamo che esso, in un certo senso, collega Crowley alla cultura psichedelica degli anni sessanta; anni che non a caso videro una riscoperta delle sue idee e della sua figura [26]. Questo collegamento, del resto non è senza passaggi intermedi, visto che alcune fonti, per esempio, sostengono che fu Crowley a introdurre Aldous Huxley alla mescalina negli anni trenta [27]. È nota l'influenza che ciò che Huxley scrisse a proposito delle sue esperienze con le droghe ebbe sulla successiva cultura psichedelica. Del resto l'idea di "abbreviare" il percorso dello yoga con sostanze stupefacenti non era certo originale. Nella stessa tradizione indiana sono conosciute forme "popolari" di yoga, influenzate probabilmente da elementi di origine sciamanica, che contemplano l'uso di sostanze come la canapa o l'oppio per ottenere transe estatiche [28]. L'uso di queste sostanze è però scarsamente attestato dalla tradizione dello yoga classico. [29]

Vorrei ora toccare un altro possibile aspetto del significato dello yoga per Aleister Crowley. La mia impressione è che egli adoperò le varie forme di meditazione e di concentrazione necessarie per la pratica yoga anche per esercitare e sviluppare una facoltà che è assolutamente centrale per la tradizione esoterica e magica occidentale: l'immaginazione. Secondo Ioan Culianu, la magia è una "scienza dell'immaginario" e Antoine Faivre ha posto proprio l'immaginazione tra gli elementi fondamentali dell'esoterismo occidentale moderno. [30]

C'è in effetti un filo rosso che collega la mnemotecnica rinascimentale alla tecnica dei cosiddetti "viaggi astrali", che veniva insegnata ai membri della Golden Dawn [31]. Questo filo rosso è proprio l'immaginazione. Attraverso l'immaginazione il mago ha a disposizione una dimensione parallela a quella della realtà oggettiva, una dimensione nella quale egli si muove e ha delle sensazioni, nella quale si compiono delle esperienze significative, spesso di tipo simbolico. Ma, evidentemente, l'immaginazione è una facoltà che va allenata.

Con gli esercizi iniziati sotto la guida di Oscar Eckenstein e con quelli eseguiti insieme ad Allan Bennett a Ceylon, Crowley esercitava anche le sue capacità di concentrazione e di immaginazione. Voglio dare qui due piccoli esempi di ciò che intendo dire. Nel 1906, dopo un tentativo fallito di scalare una delle montagne più alte dell'Himalaya, il Kangchenjunga, Crowley intraprese un viaggio in Cina, che durò diversi mesi. Durante questo viaggio egli praticò un rituale che riveste una grande importanza nella sua "carriera magica": l'Augoeides. Qual era la particolarità di questo rituale magico, che nel suo complesso si protrasse addirittura per trentadue settimane? La particolarità era il fatto che l'Augoeides venne praticato esclusivamente sul piano dell'immaginazione [32]. Per motivi che qui non approfondiremo, Crowley aveva la necessità di iniziare a praticare questo rituale proprio nel momento in cui si trovava in Cina. Nelle condizioni in cui era, non poteva disporre né di un tempio magico, né della solitudine necessaria per questo tipo di pratiche. Dunque decise di fare a meno di qualsiasi elemento esterno e materiale. Attraverso l'immaginazione, Crowley visualizzava il tempio magico, con tutti gli arredi e il resto, e poi proiettava un'immagine di se stesso all'interno di questo ambiente. Così svolgeva le azioni necessarie per il rituale su un piano totalmente immaginativo, isolato da tutto quanto gli accadeva intorno. Crowley ci dice che era in grado di svolgere queste operazioni, che erano quotidiane, anche mentre stava camminando o era a cavallo.

L'altro esempio, che non ha niente a che vedere con la pratica magica, riguarda la particolare abilità di Crowley nel gioco degli scacchi. Israel Regardie, un discepolo di Crowley, ci dice che egli era in grado di giocare, e di vincere, contro due avversari contemporaneamente, senza mai vedere la scacchiera [33]. In questo caso Crowley visualizzava una scacchiera immaginaria, anzi due, sulle quali muoveva pezzi immaginari. Naturalmente le mosse venivano comunicate tramite le coordinate, lettera più numero, della scacchiera. Chi conosce anche superficialmente il mondo degli scacchi sa che la capacità di giocare "alla cieca" non è affatto straordinaria per un maestro [34]. C'è addirittura chi è stato in grado di giocare quarantacinque partite "alla cieca" contemporaneamente [35]. Ciò che a noi interessa, piuttosto, è il fatto che questa capacità visualizzativa di Crowley va collegata probabilmente con le sue pratiche yoga e sicuramente con le sue pratiche magiche. Sia Regardie, sia lo stesso Crowley mettono in relazione l'abilità nel giocare a scacchi di quest'ultimo con la pratica magica, e in particolare proprio con l'Augoeides. [36]

Indubbiamente la scoperta dello yoga da parte di Aleister Crowley si inquadra in quella spinta a Oriente che il "sostrato illuminato", per usare l'espressione di James Webb, mise in atto a partire dalla seconda metà del secolo scorso. Però abbiamo avuto modo di constatare come l'esito di questa scoperta fu tutt'altro che scontato. Nell’escludere interpretazioni soprannaturali, Crowley mostra tutta la sua dipendenza dagli schemi di pensiero più diffusi della sua epoca. Ci troviamo così di fronte a un mistico di nuovo tipo, che cerca di integrare i dati della tradizione con la scienza e il progresso. Del resto, il suo razionalismo non gli impedì di inserirsi appunto nella più schietta tradizione magica occidentale, dal momento che cercò di mettere a pieno frutto quella facoltà fondamentale per il mago: l'immaginazione.

NOTE:
  1. Massimo Introvigne, Il cappello del mago - I nuovi movimenti magici, dallo spiritismo al satanismo, SugarCo, Milano 1990, p. 313.
  2. Riferimenti a eventuali influssi del tantrismo su Crowley si trovano un po' ovunque, ma soprattutto in Francis King, Il cammino del serpente - Storia, Riti e Misteri della Magia Sessuale, Edizioni Mediterranee, Roma 1979, passim. Si può vedere anche quello che dice in proposito Julius Evola in Metafisica del Sesso, Edizioni Mediterranee, Roma 1988, p. 384 e ss. Da notare che Evola attribuisce erroneamente a Crowley l'incontro con "due esponenti indù della Via tantrica della Mano Sinistra, Brima sen Pratab e Sri Agamya Paramhamsa [sic]", citando come fonte la biografia di Crowley scritta da John Symonds. Si tratta certamente di una svista, perché in realtà Symonds nella sua opera afferma che a incontrare i due guru indiani fu Carl Kellner, i cui contatti con Theodor Reuss possono essere considerati all'origine dell'Ordo Templi Orientis, l'ordine massonico di frangia cui in seguito appartenne anche Crowley. Kellner, che morì probabilmente prima che l'OTO venisse effettivamente creato da Reuss, non ebbe comunque mai alcun rapporto con Crowley (cfr. John Symonds, The Beast 666 - The Life of Aleister Crowley, Pindar Press, London 1997, p. 160).
  3. Aleister Crowley, Magick, Astrolabio, Roma 1976, p. 6.
  4. L'autobiografia è The Confessions of Aleister Crowley - An Autohagiography, Arkana, London 1989. L'ultima edizione della biografia di John Symonds è quella indicata nella nota 2.
  5. La cosa viene rilevata, del resto, anche da Symonds e Grant: "È singolare il fatto che Crowley, il quale poneva in grande risalto gli insegnamenti sessuali del Tantrismo (Vamacharin) abbia omesso di ricordare, persino nel suo elenco di autori, il nome di Sir John Woodroffe (Arthur Avalon), i cui testi tantristi furono pubblicati intorno al 1920." (Aleister Crowley, Magick, cit., p. 6).
  6. Due sono le opere principali di Crowley sullo yoga: la prima parte del Book Four, che fu pubblicata nel 1912 (ora si trova in Aleister Crowley, Magick, cit.) e le Eight Lessons on Yoga, pubblicate per la prima volta nel 1939 (un'edizione recente è quella della New Falcon Publications, Scottsdale 1991).
  7. Su questo punto e più in generale sulla diffusione in Occidente dell'interesse per la spiritualità orientale, cfr. James Webb, The Flight from Reason - The Age of the Irrational, Macdonald, London 1971, i capp. II ("Babel") e III ("The Masters and the Messiah"); e Massimo Introvigne, Le nuove religioni, SugarCo, Milano 1989, p. 267 e ss. torna
  8. Sul periodo che Crowley trascorse a Ceylon, cfr. Aleister Crowley, The Confessions of..., cit., pp. 232-254; John Symonds, op. cit., pp. 43-45; Israel Regardie, The Eye in the Triangle - An Interpretation of Aleister Crowley, New Falcon Publications, Phoenix 1993, pp. 229-265.
  9. Su queste vicende e più in generale sulla storia della Golden Dawn il testo canonico è quello di Ellic Howe: The Magicians of the Golden Dawn - A Documentary History of a Magical Order 1887-1923, The Aquarian Press, Wellingborough 1985. Sui contrasti del 1900 e le varie scissioni vedi in particolare i capp. 14 ("Rebellion in London") e 15 ("The Battle of Blythe Road").
  10. Cfr. Aleister Crowley, The Confessions of..., cit., pp. 213-214.
  11. Cfr. ibid., pp. 159 e 213. Bisogna tenere in considerazione il fatto che Eckenstein era stato in India, in quanto aveva fatto parte della spedizione di Conway che nel 1892 aveva tentato la scalata al K2 (cfr. John Symonds, op. cit., p. 46). Potrebbe forse in questa occasione avere appreso qualche tecnica yoga.
  12. Un resoconto di questi esperimenti si trova in The Equinox I, 4, "The Temple of Solomon the King", pp. 107-124. Eckenstein viene indicato con le iniziali "D.A.".
  13. Ibid., p. 123.
  14. Per il concetto di Yoga "classico" distinto dalle sue varianti "popolari" e "barocche" cfr. Mircea Eliade, Lo Yoga - Immortalità e libertà, Sansoni, Firenze 1990, p. 20.
  15. Su questi elementi della pratica yoga, cfr. ibid., p. 62 e ss.
  16. Israel Regardie, op. cit., p. 249.
  17. Cfr. ibid., p. 253.
  18. Cfr. Mircea Eliade, op. cit., p. 51.
  19. A questo proposito vedi l'interessante introduzione di Stephen Skinner a: Aleister Crowley, The Magical Diaries of Aleister Crowley - 1923, Neville Spearman, Jersey 1979. Skinner è uno dei pochi che abbia colto, e messo in evidenza, questo aspetto della razionalità e della pretesa di scientificità in Crowley.
  20. Cfr. Aleister Crowley, Magick, cit., p. 19 e ss. Dobbiamo qui notare che Crowley ha preferito intitolare questa parte del Book Four non "Yoga", come sarebbe stato ovvio, ma "Misticismo". La seconda parte è invece intitolata "Magia". Troviamo dunque in Crowley questa distinzione, e questa polarità, tra misticismo e magia. Sostanzialmente, per Crowley, il misticismo cerca il contatto diretto con il "divino", con l'"assoluto", che naturalmente non è mai visto in modo dogmatico. La magia, invece, è la ricerca del potere attraverso delle tecniche che operano su un piano sottile. Si potrebbe dire che con la magia si adoperano mezzi spirituali per ottenere fini materiali. Comunque la distinzione non è sempre netta, spesso misticismo e magia in Crowley si confondono.
  21. Su questo aspetto vedi ciò che con grande equilibrio scrive Israel Regardie, che fu un discepolo di Crowley, in op. cit., p. 461 e ss. Per il Libro della Legge nel contesto delle nuove rivelazioni, magiche e religiose, cfr. Massimo Introvigne, "Livres magiques révélés et livres révélés religieux (d'Aleister Crowley aux nouvelles religions)" in Aries n° 15, Meudon, pp. 95-116.
  22. Aleister Crowley, Magick, cit., p. 29.
  23. Cfr. Aleister Crowley, The Confessions of..., cit., p. 240. Scrive Crowley: "The numerous practices of Yoga are simply dodges to help one to acquire the knack of slowing down the current of thought and ultimately stopping it altogether. This fact has not been realized by the yogis themselves. Religious doctrines or ethical considerations have obscured the truth. I believe I am entitled to the credit of being the first man to understand the true bearings of the question."
  24. Cfr. René Guénon, Introduzione generale allo studio delle dottrine indù, Adelphi, Milano 1989, pp. 12-13. Scrive Guénon: "...l'esclusivismo degli orientalisti (...) e il loro schematismo sono invece tali da spingerli, per un'incredibile aberrazione, a ritenersi capaci di comprendere le dottrine orientali meglio degli orientali stessi..."
  25. Aleister Crowley, The Confessions of..., cit., p. 386. Trad. mia.
  26. L'idea di questo accostamento è di James Webb. Cfr. Il sistema occulto, SugarCo, Milano 1989, p. 303. Cfr. anche Massimo Introvigne, Indagine sul satanismo - Satanisti e anti-satanisti dal seicento ai nostri giorni, Mondadori, Milano 1994, p. 265 e ss., per la riscoperta negli anni sessanta e la lettura in chiave satanista di Crowley da parte di certi ambienti legati alla cultura hippy e psichedelica californiana.
  27. Cfr. James Webb, Il sistema occulto, cit., p. 303 e Francis King, op. cit., p. 169, n. 7.
  28. Cfr. Mircea Eliade, op. cit., p. 314.
  29. Cfr. Patañjali, Yoga sûtra - con i commenti della tradizione, Mimesis, Milano 1992, p. 115.
  30. Per quanto riguarda Culianu vedi il suo bel saggio: Ioan P. Couliano, Eros e magia nel Rinascimento, Il Saggiatore, Milano 1987. Per la definizione di magia come "scienza dell'immaginario" vedi p. 7. Nella stessa pagina lo studioso rumeno scrive anche: "In quanto scienza della manipolazione dei fantasmi, la magia si rivolge in primo luogo all'umana immaginazione, nella quale tenta di suscitare impressioni persistenti." Per quanto riguarda Faivre, invece, cfr. il suo L'esoterismo, SugarCo, C. 29-31. Scrive Faivre a p. 30: "Sarebbe istruttivo fare la storia dell'immaginazione in Occidente, cioè del suo statuto. Si metterebbe in luce così l'importanza del tipo di immaginazione di cui ci occupiamo."
  31. Su questo aspetto degli insegnamenti della Golden Dawn cfr. S. L. Macgregor Mathers, Proiezione astrale, magia e alchimia, Mediterranee, Roma 1980, in particolare la prima e la seconda parte.
  32. Cfr. Aleister Crowley, The Confessions of..., cit., p. 517 e ss.
  33. Cfr. Israel Regardie, op. cit., p. 15.
  34. Cfr. Reuben Fine, La psicologia del giocatore di scacchi, Adelphi, Milano 1976, p. 40 e ss.
  35. Cfr. ibid., p. 41.
  36. Cfr. Israel Regardie, op. cit., pp. 311-312 e Aleister Crowley, The Confessions of..., cit., p. 518. Anche Regardie fa un accostamento tra le pratiche yoga di Crowley, la sua abilità nel giocare a scacchi e il rituale dell'Augoeides. Scrive infatti a p. 313: "While riding on his pony every day [durante il suo viaggio in Cina], he would construct in his imagination a Temple. Because of the keenness of his imaginative faculty, plus the hard-earned ability to concentrate that his Yoga practice given him, we may be assured that it was a clear picture in every detail. This ability to play blindfold chess, as I have described it above, would more or less confirm my proposition that he had skill to do so."
tratto da http://home.sunrise.ch/prkoenig/pasi/pasi.htm
http://www.gianfrancobertagni.it/materiali/meditazione/pasi.htm
Questo blog ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica in quanto il blog sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcuni articoli, video e immagini qui inseriti sono tratti da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Redatto secondo l'articolo 21 della costituzione italiana - articolo 19 Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo - articolo 10 Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. Si precisa che articoli, comunicazioni... e quant'altro vengono pubblicati non in base ad una adesione ideologica o morale.
Questo Blog è ad uso amatoriale e privato.
Questo Blog usa Banner eadv e Adsense.
DISCLAMER E PRIVACY
NOTE SUL COPYRIGHT: Il materiale pubblicato su lagrandeopera.blogspot.com può essere copiato solo se con link attivo (cliccabile ), e sia liberamente e gratuitamente accessibile.